RESIGN

Via Mura Mittarelli, 34
48018 Faenza RA Italy
www.resign.it
info@resign.it

MANUFACTO ~ WORKSHOP #2

LE ECCELLENZE ARTIGIANE ITALIANE E IL DESIGN.

WORKSHOP #2 CERAMICA ~ Faenza, 14/16 FEBBRAIO 2014
MUSEO CARLO ZAULI ~ BOTTEGA GATTI ~ MUSEO INTERNAZIONALE DELLE CERAMICHE                                                                                                                       >> english version

SCARICA IL PDF CON TUTTE LE INFORMAZIONI > manufacto2_workshop_ita


Resign Academy in collaborazione con Museo Carlo Zauli, la galleria Subalterno1 e la piattaforma on-line Autoproduzioni Italiane presenta Manufacto un ciclo di workshop finalizzati ad indagare il potenziale produttivo, legato al design, di alcune delle più importanti eccellenze artigianali italiane. La seconda tappa del progetto si terrà a Faenza nel weekend dal 14 al 16 Febbraio 2014 presso i locali del Museo Carlo Zauli, Bottega Gatti e Museo Internazionale delle Ceramiche.

 

CONTENUTI


Durante le prime due giornate si entrerà in contatto con le possibilità produttive e le proprietà della ceramica attraverso le visite guidate e le lecture teoriche sulla storia e la tecnologia ceramica con Claudia Casali (direttrice MIC), Matteo Zauli (MCZ), Davide Servadei (Bottega Gatti), Germano Zanzani (ISIA). Contemporaneamente Resign Academy, insieme ad alcuni ospiti speciali come il designer compasso d’oro Odoardo Fioravanti e gli artisti Andrea Salvatori, Mirco Denicolò e il maestro ceramista Gino Geminiani, condurranno ogni studente, attraverso esercizi pratici e creativi, alla definizione del proprio personale concept di progetto. Al termine dei 3 giorni Subalterno1 selezionerà un progetto finanziandone la produzione e mettendolo in vendita nello store on-line autoproduzioniitaliane.com, dando quindi allo studente selezionato la preziosa opportunità di seguire la produzione e vedere realizzata la propria opera.

 

A CHI È RIVOLTO


Il workshop è aperto a tutti, ma rivolto in particolare verso studenti di scuole universitarie di design e discipline artistiche o della comunicazione, artisti, designer o architetti.

 

APPLICATION


Per partecipare sarà possibile presentare le proprie richieste di iscrizione entro il 10 Febbraio ‘14 (incluso) compilando ed inviando a resignacademy@gmail.com la propria Application Form (scaricabile dal QUI) comprensiva di CV ed eventuale Portfolio. Nei giorni immediatamente successivi verranno selezionate le (max) 15 persone che prenderanno parte ai laboratori e alle lezioni. Per le persone selezionate il costo di iscrizione è di 220 €. Sarà però a disposizione 1 borsa di studio che verrà assegnata al primo classificato alle selezioni, il quale potrà partecipare gratuitamente.

 

I LUOGHI


MUSEO CARLO ZAULI
Il Museo Carlo Zauli è un contenitore che dal 2002, attraverso le sue collezioni, e le diverse attività, esplora e diffonde l’arte contemporanea in tutti i suoi linguaggi, con un’attenzione particolare alla ceramica, materiale della tradizione locale. Si trova infatti a Faenza, in pieno centro, all’interno dei locali che furono dal 1949 di Carlo Zauli, uno dei più rappresentativi scultori del 900, di cui promuove il lavoro e la storia, attraverso la gestione dell’Archivio, mostre itineranti, pubblicazioni, conferenze. Con l’apertura del museo si è riprogettato lo spazio in modo che raccontasse con strumenti attuali la vitalità e l’incontro tra artisti che ne avevano caratterizzato l’atmosfera sin dal 1949. E’ dunque con tale spirito che, sotto la direzione di Matteo Zauli, figlio dell’artista, MCZ è divenuto in questi anni un punto di riferimento nella produzione e nella divulgazione dell’arte contemporanea, grazie alle Residenze d’Artista, ai cicli di conferenze, a rassegne di musica contemporanea, oltre che a percorsi didattici per bambini, studenti e adulti. Ospita la collezione Carlo Zauli con opere esposte in un percorso cronologico dai primi anni Cinquanta fino agli Ottanta che attraversa anche il giardino, i laboratori, lasciati al loro stato originario, tuttora luogo di lavoro, e le cantine adibite a magazzini, oltre a una sala dedicata alla progettazione industriale di piastrelle.
Attraverso il progetto curatoriale Residenza d’Artista, e le altre collaborazioni con gli artisti sta costruendo anche una sezione contemporanea di opere in ceramica, che ospita lavori di Ancarani, Arancio, Avveduti, Boisi, Campanini, Caravaggio, Casini, Chung, Commisso Garutti, Giaretta, Gennari, Marisaldi, Mercier, Mercuri, Monterastelli, Pergola, Samorè, Silver, Trevisani, Valenti, Veronesi, Xhafa, Zuffi.
MORE INFO > www.museozauli.it


BOTTEGA GATTI

La tradizione della maiolica di Faenza si perpetua nella più antica bottega di questa città. In Bottega Gatti, negli stessi locali di un tempo, ogni fase della lavorazione viene scrupolosamente condotta come nei secoli addietro perpetuando fedelmente la produzione delle tipologie classiche insieme a quella delle opere di creazione contemporanea che, con i loro smalti a riflessi metallici, rappresentano dal 1928 un simbolo dello stile Gatti.L’azienda, organizzata in diversi reparti (foggiatura; formatura; forni; smaltatura; decorazione; showroom; museo), produce ceramica tradizionale faentina e ceramica artistica, avvalendosi di uno straordinario background di conoscenze artistiche che risalgono ai primi anni Novecento, quando la Bottega Gatti era frequentata da artisti di fama internazionale, come quelli legati al movimento futurista (Martinetti, Balla, Dal Monte, Benedetta e Fabbri) con cui collaborò fino al 1930.
Bottega Gatti ha collaborato e collabora con artisti di grande fama come: Accardi; Arman; Baj; Burri; Cabiati; Cerone; Chia; Cucchi; Della Casa; Della Vedova; Echaurren; Fioroni; Hsiao Chin; Kabakov; Kelley; Matta; Mondino; Moro; Ontani; Paladino; Pessoli.
MORE INFO > www.ceramicagatti.it

MUSEO INTERNAZIONALE DELLE CERAMICHE DI FAENZA
Il Museo Internazionale delle Ceramiche in Faenza ospita nei suoi ampi spazi espositivi, a fianco delle opere della produzione italiana ed europea dal Medioevo all’Ottocento, importanti sezioni dedicate all’America precolombiana, alla Grecia classica, all’età romana, al vicino e medio Oriente e alla ceramica islamica. Spazi specifici sono dedicati alla ceramica dei maggiori artisti del Novecento e della contemporaneità, italiani e stranieri. Il Museo contempla anche una biblioteca specializzata, il laboratorio Giocare con l’Arte per la didattica con il metodo di Bruno Munari, e il laboratorio di restauro cui è affidata la manutenzione delle opere e più largamente tutta l’attività conservativa, punto di contatto obbligato per la specificità tecnica e tecnologica della ceramica. Il Museo pubblica dal 1913 la rivista “Faenza”. Il bookshop è fornito di tutte le pubblicazioni curate dal Museo, di un’ampia scelta di libri dedicati alla ceramica e di una selezione di oggetti ceramici prodotti da artigiani faentini.ni.
MORE INFO > www.micfaenza.org

 

I PROTAGONISTI


Resign Academy
Resign, studio collettivo fondato nel 2007 da Giovanni Delvecchio, Andrea Magnani ed Elisabetta Amatori da anni, attraverso il progetto Resign Academy, si impegna nella formazione di progettisti, designer, architetti e creativi di ogni genere, privilegiano un approccio in grado di combinare lavoro pratico e concettuale. Pone a pari livello professionisti e neofiti del mestiere esaltando le capacità e i talenti di ognuno, cercando sempre strade nuove e facendo leva sugli ostacoli che rendono viva la ricerca.
MORE INFO > www.resign.it

SUBALTERNO1
Giovane galleria milanese ormai punto di riferimento e protagonista attivo nella promozione e diffusione dell’autoproduzione italiana. Uno spazio reale dove mostrare, raccontare e distribuire oggetti sperimentali, unici o prodotti in piccolissima serie. Tra i designer rappresentati dalla galleria: Paolo Ulian, Massimiliano Adami e Lorenzo Damiani.
MORE INFO > www.subalterno1.com

Autoproduzioni Italiane
Autoproduzioni Italiane è un nuovo marchio che distribuisce, promuove e sostiene l’autoproduzione italiana.
MORE INFO > www.autoproduzioniitaliane.com

Odoardo Fioravanti
Odoardo Fioravanti si è laureato in Industrial Design presso la Facoltà del Design del Politecnico di Milano. Dal 2003 si occupa di industrial design, sperimentando anche la grafica e l’exhibition design, con la ferma volontà di ricondurre le diverse discipline ad una materia continua.
Dalla fondazione dell’Odoardo Fioravanti Design Studio i suoi progetti hanno ricevuto premi prestigiosi a livello internazionale. È stato docente presso numerose scuole e università come Politecnico di Milano, Università di San Marino, Domus Academy, Istituto Marangoni, NABA, SPD Scuola Politecnica di Design.
I suoi lavori sono stati esposti in diverse esposizioni internazionali, culminate nel 2010 con una mostra personale dal titolo “Industrious Design” presso il Design Museum della Triennale di Milano.
Nel 2011 vince il premio Compasso d’Oro ADI con la sedia in legno Frida di Pedrali.
Svolge l’attività di pubblicista per riviste del settore design cercando di esplorare le nuove frontiere del progetto come disciplina.
MORE INFO > www.fioravanti.eu

Andrea Salvatori
Andrea Salvatori, nasce a Faenza, dove ha ottenuto il diploma di maestro d’Arte all’Istituto per la Ceramica Ballardini, scuola dove ha cominciato a maneggiare la terraglia invetriata quando era ancora un adolescente. Ciò che, però, rende Salvatori interessante è che ha portato le sue conoscenze di ceramista all’Accademia di Belle Arti di Bologna, dove si è diplomato in scultura, continuando a coltivare la sua passione per il “ready made” e allargando la sua collezione di pacchiane statuine di porcellana, comprate da lui stesso in mercatini dell’usato dove ama gironzolare. Il suo è un percorso artistico piuttosto originale: Salvatori lavora con le statuine che colleziona modificandole o facendole affiancare da nuovi soggetti. Indubbiamente è l’aspetto kitsch delle sue sculture che colpisce sulle prime; tuttavia, sono la qualità ed i contenuti dei suoi interventi ad incuriosire il visitatore mantenendone vivissima l’attenzione.
Le più squisite tecniche dell’artigiano si riconoscono nel modo in cui Salvatori lavora perchè è proprio lì dove la sua esperienza di ceramista si rende indispensabile. L’artista ha infatti deciso di esprimersi rispettando la natura dell’oggetto sul quale o con il quale lavora, obbligando se stesso a riprodurre minuziosamente ogni dettaglio del pezzo originale. Il risultato è sorprendente: è praticamente impossibile distinguere l’originale dall’intervento. Addirittura, si può arrivare a credere che tutta la scultura sia costituita di ready made intelligentemente combinati insieme o che sia nata completamente dalle mani dell’artista. È nei contenuti, però, che la natura scherzosa di Salvatori trova spazio per esprimersi e matura visibilmente. L’obiettivo con il quale l’artista crea non è cambiato: scuotere, sino a capovolgere, le banali storie raccontate da queste statuine. A cambiare e maturare sono, invece, i suoi contenuti resi attraverso una squisita tecnica artigianale al servizio di una grande ironia. M. Cecchinato
MORE INFO > www.salvatoriandrea.it

Mirco Denicolò
Mirco Denicolò è nato a Cattolica (RN) nel 1962. Ha studiato ceramica e si è diplomato negli Istituti d’Arte di Pesaro e Faenza. Ha lavorato nell’industria ceramica (stoviglieria, piastrelle, oggettistica, smalti e colori ceramici) come caporeparto, ricercatore e sviluppatore dal 1985 fino al 2003. Dal 1983 insegna in corsi di formazione e aggiornamento sulle tecniche ceramiche in Italia e all’estero in istituzioni pubbliche e organizzazioni private. È insegnante di laboratorio ceramico presso l’lSIA di Faenza dal 1999. Dal 2008 insegna Disegno ai bambini nella Scuola Comunale “T. Minardi” di Faenza. Ha iniziato le esposizioni della sua attività artistica nel 1987. Le ultime mostre personali si sono svolte in gallerie e centri culturali in Italia ed all’estero. Di recente si occupa di animazione e performance partendo da opere originali in ceramica.
MORE INFO > www.mircodenicolo.it

Gino Geminiani
Maestro ceramista faentino gestisce da anni la storica bottega a due passi dal MIC. La sua esperienza come tornitore e la voglia di sperimentare nuovi processi produttivi lo fanno uno dei ceramisti faentini più interessanti.

Germano Zanzani
Ex Direttore e docente di Tecnologia Ceramica presso l’ISIA di Faenza.
MORE INFO > www.isiafaenza.it

 

CONTACTS & INFO
Andrea Magnani & Giovanni Delvecchio
M. resignacademy@gmail.com